Due mete green da non perdere in Repubblica Dominicana: Caño Hondo e Cayo La Farola nella penisola di Samanà

Press 27 marzo 2018

Circondata da mare ed oceano, attraversata da fiumi e ricoperta da distese di lussureggiante vegetazione tropicale, la Repubblica Dominicana si presenta come la migliore destinazione eco-turistica dei Caraibi. In particolare, la penisola di Samanà, nella zona nord-orientale del Paese che affaccia sull’Atlantico, è un vero concentrato di tesori naturali, a partire dal Parco Nazionale Los Haitises, nella Top 10 delle regioni da visitare nel 2018 di Lonely Planet.

Nelle vicinanze del Parco, si trova un eco-lodge tra i più suggestivi: Paraiso Caño Hondo, composto da piccole casette adagiate su colline verdeggianti e immerse nella natura endemica di Sabana de la Mar. Inserito da Forbes nella top ten mondiale dei green resort, Paraiso Caño Hondo è il primo e unico resort del paese situato all’interno di un parco acquatico naturale, le cui piscine e cascate sono alimentate dalle acque del fiume Jibales.

Nel rispetto dell’ambiente, il lodge è stato completamente realizzato con materiali locali e decorato con ornamenti naturali come le foglie di Annona e di Guaranà, per un’esperienza 100% green. Nei suoi tre ristoranti è facile avvistare gli uccelli locali che, avvicinandosi al tavolo, vengono a prendere il cibo direttamente dalla mano. Questa zona è infatti molto rinomata tra gli appassionati di birdwatching: di giorno si possono scorgere nel proprio habitat naturale pappagalli, corvi, colombe turchesi, dulus dominicus (uccello delle palme) e altri bellissimi uccelli esotici, mentre di notte si avvistano lucciole, cocuyos e il gufo cinerino.

Oltre a Paraiso Caño Hondo la baia di Samanà ospita un altro gioiello eco-turistico Cayo La Farola adiacente a Cayo Levantado. Qui le lunghe spiagge dorate contornate da palme da cocco trasmettono una sensazione di grande libertà e i numerosi scorci panoramici mostrano la grande varietà di vegetazione dell’isola. I visitatori di Cayo Farola possono seguire un percorso ecologico di 45 minuti, che si snoda lungo cinque diversi sentieri da cui è possibile osservare 75 specie di piante endemiche ed esotiche.

Dal belvedere El Tutú è possibile ammirare a 360° la baia di Samanà e fare whale watching senza addentrarsi in alto mare. Inoltre l’azzurro limpido del mare, il verde brillante della natura e la calda luce del sole rendono questo angolo della Repubblica Dominicana una meta ideale per gli amanti della fotografia che vogliono immortalare la propria vacanza con scatti e video ricordo. Attualmente per raggiungere Cayo La Farola è necessario un tragitto di 15 minuti in barca, durante il quale è possibile visitare Cayo Levantado e fare snorkeling tra i coralli.

Ufficio stampa:

Debora Agostini

d.agostini@aigo.it
+39 02 66 99 27 234