Turkish Cargo ha riportato nel loro habitat naturale i leoni di un circo

Press 7 March 2019

Il cucciolo di leone Nathan, la leonessa Luca e le sue due sorelle Charlie e Kai venivano impiegati come animali da circo in Ucraina dove vivevano in gabbie di cemento e acciaio di 35 metri quadri in un ambiente ostile, senza luce solare né aria fresca, lontani dal loro habitat naturale.

I leoni sono stati salvati dalla Lawrence Anthony World Organization (LAEO), un’associazione la cui missione è la difesa dei diritti degli animali, e sono stati riportati nel loro habitat in Sudafrica grazie al supporto di Turkish Cargo, il brand globale di trasporto merci di Turkish Airlines.

Durante il volo, i leoni sono stati trasportati in speciali container, progettati pensando ai loro bisogni nutrizionali, accompagnati da custodi dedicati alla loro cura, veterinari, due funzionari della Lawrence Anthony World Organization e da personale qualificato IATA LAR (IATA Live Animals Regulations) di Turkish Cargo.

Dopo un lungo volo di quasi 9.000 km, i leoni sono stati liberati nel Kragga Kamma Natural Park, una riserva naturale che ospita numerosi esemplari di animali africani tra foreste costiere e praterie che si estendono per 14.000 km quadrati. Dopo alcune iniziali difficoltà di adattamento, poiché abituati alle condizioni di vita del circo, i leoni hanno scoperto la bellezza della natura e la libertà insieme ai loro simili.

Turkish Airlines, che nel 2017 ha sottoscritto la “United for Wildlife Buckingham Palace Declaration” con lo scopo di contrastare il commercio illegale di animali e alzare la soglia d’attenzione degli operatori del settore, ha dato prova della sua esperienza in materia di trasporto di animali vivi e del rispetto dei loro diritti.

Mostrando grande cura nel trasporto di animali vivi e ricostruendo il più fedelmente possibile il loro habitat naturale durante il volo, Turkish Cargo aderisce pienamente alle normative CITES e IATA LAR durante le fasi di accettazione, stoccaggio e spedizione, rispettando meticolosamente le normative su documenti, gabbie ed etichettatura dettate da tali regolamenti.

Maggiori informazioni su Turkish Cargo e sulle sue rotte sono disponibili visitando il sito http://www.turkishcargo.com  o chiamando il call center al +90 850 333 0777.

Il video delle operazioni di salvataggio è disponibile al seguente link: https://we.tl/t-U72HnEQFw0

Ufficio stampa:

Alessandra Rischio

a.rischio@aigo.it
+39 02 6699 27 240 - mob +39 344 099 0468