Lisboa: All I want for Christmas is you

Press 10 December 2021

Quale periodo migliore del Natale per visitare Lisbona? Luci, decorazioni, mercatini, dolci tradizionali: l’atmosfera di festa regna sovrana nelle strade, e Natale è uno dei periodi migliori dell’anno per scoprire Lisbona. L’odore di caldarroste, canti natalizi, lampioni e mercatini a tema inondano la città, rendendola una meta ancora più speciale da visitare in coppia, con gli amici o con i membri più piccoli della famiglia.

Il clima mite di Lisbona durante tutto l’anno è perfetto per passeggiare e ammirare la bellezza di tutte le luci e le decorazioni natalizie, che abbelliscono le strade principali come Rua AugustaAvenida da Liberdade o Rua Garret. In Plaza do Comercio appare spettacolare un albero di lampadine a LED, alto 30 metri, che illumina il luogo più emblematico della città; mentre in c’è un grande mappamondo, dentro il quale si può passare.

A Natale, imperdibili sono i tanti mercatini che vengono installati in diverse parti della capitale, perfetti per acquistare ogni genere di prodotti tipici e degustare i migliori cibi tradizionali. Il più grande si trova nell’arena di Campo Pequeno, con più di 100 espositori dove vengono venduti prodotti portoghesi al 100%. Il Parco Eduardo VII ospita il Mercatino delle Meraviglie con attrazioni, una pista di pattinaggio, una ruota panoramica, un villaggio di Natale e bancarelle colorate e allegre fra cui perdersi estasiati.

Vicino a Campo de las Naciones c’è Natalis, un universo magico per tutti i pubblici che ospita diversi spazi: sostenibilità, giochi, gastronomia, tradizioni mondiali e cioccolatini.

Fuori dalla città di Lisbona, il villaggio di pescatori di Cascais allestisce anche un mercatino di Natale. Con il motto “Viaggia nella magia del Natale”, questo spazio ha interessanti attrazioni come la casa di Babbo Natale, una foresta incantata con vere renne, una palla di neve, un’enorme giostra, una pista di pattinaggio sul ghiaccio e una casa sull’albero.

Per un’esperienza completa, è a tavola che si dà il meglio!

E a fine pasto lasciatevi tentare dalla straordinaria quantità di dolci portoghesi, sia conventuali sia tradizionali, di origine medievale. I primi sono così chiamati perché, nei conventi femminili portoghesi del XV secolo, si era soliti inventare dolci originali e sfiziosi, tra cui le Nozes de Cascais, i Pastéis de Belém, i Fofos de Belas o i Travesseiros de Sintra.

E poi non può mancare il Bolo-Rei, simbolo indiscusso del Natale portoghese a tavola. La sua forma rotonda ricorda molto da vicino una corona e il suo nome rimanda ai Re Magi e ai loro doni. Color oro, è impreziosita da gemme variopinte (i canditi) simbolo, nemmeno a dirsi, di oro, incenso e mirra. Impossibile resistere.

Immagini disponibili qui

Ufficio stampa:

Sara Cusmà

s.cusma@aigo.it
+39 02 6699 27 241