Festeggia l’arrivo del Khareef con Al Baleed Resort Salalah by Anantara

Press 29 June 2017

Nebbia, foschia e pioggia non sono proprio il clima ideale per una vacanza. Eppure questo è il periodo più ambito per le popolazioni arabe per visitare Salalah, Oman: le temperature si mantengono sui 27° e la natura fiorisce di nuovo. Al Baleed Resort Salalah by Anantara offre diverse attività per far vivere ai propri ospiti l’esperienza magica del Khareef. Un’esperienza fuori dal comune per visitare il Dhofar durante la nostra estate.

Khareef è il termine arabo usato per descrivere l’arrivo dell’autunno omanita che tra giugno e settembre raggiunge Salalah, capoluogo della regione, portando con sé venti freschi e abbondanti piogge dall’Oceano Indiano. In questa stagione, le pianure e le montagne si tingono di verde e Salalah si trasforma in un vero paradiso tropicale.

Il momento più richiesto e gettonato per visitare Salalah è proprio il khareef, che trasforma le terre intorno alla costa e alle montagne in una giungla tropicale, luoghi che restano relativamente inesplorati durante il resto dell’anno. Fortini storici e cittadelle, dune infinite, spiagge intatte e incontaminate e bazar tutti da scoprire: ecco cosa racchiude questa terra che accoglie e accompagna i propri ospiti attraverso terre ricche di storia, tra leggende e miti, un viaggio dai colori intensi che si fondono con il fascino infinito del Medio Oriente.

Gli amanti della natura potranno approfittare di questo momento per avventurarsi tra le montagne verdeggianti in compagnia di Hussain Mosllam, Salalah Guru del resort: guida esperta, cresciuto in un villaggio circostante, che ha una conoscenza perfetta di tutta l’area e il cui compito è quello di accompagnare gli ospiti attraverso la scoperta degli usi e costumi del suo popolo, della cultura, della storia e scoprire i meravigliosi panorami che si possono godere solo in luoghi autentici come l’Oman. Grazie alla sua assistenza, è possibile scoprire i segreti della cultura locale lungo un itinerario creato su misura, la storia legata al commercio dell’incenso ai tempi della Regina di Saba e le leggende che sono sopravvissute fino ai giorni nostri. Durante il Khareef, con un po’ di fortuna il Salalah Guru accompagna anche ad avvistare qualche ibice, gazzella o iena, grandi stormi di fenicotteri e aironi.

Tra le altre attività proposte dal resort in questa stagione: wadi bashing, scalate e tour in 4×4 alla scoperta di vecchi villaggi e delle popolazioni nomadi che vi abitano. Tutte le escursioni si concludono con un picnic gourmet, preparato da rinomati chef, da gustare in punti panoramici e suggestivi. A est di Salalah, il villaggio di pescatori di Taqah, antica città con uno storico castello circondato da torri di guardia e case in pietra, da cui si raggiunge la laguna di Khori Rori, tra le rovine della città di Samhuram. Dopo aver ammirato questi luoghi, punto di partenza della mitica Via dell’incenso, ci si sposta al parco naturale Wadi Darbat, dove ammirare magnifiche cascate, laghi, montagne, cave e vegetazione lussureggiante. Tra luglio e agosto, lungo la costa si tiene il Khareef Festival, per festeggiare l’arrivo di questa stagione: sei settimane di concerti, performance e rappresentazioni culturali all’ombra del promontorio di Mughsayl, sull’omonima spiaggia.

Durante il khareef la permanenza al resort è allietata dai trattamenti benessere dell’Anantara Spa. Stress Less, per esempio, è un trattamento rilassante di 90 minuti del costo di 114 euro che, attraverso un massaggio con pietre calde e lievi pressioni al viso, stimola la circolazione sanguigna e riequilibra corpo, mente e spirito.

Dopo una giornata fuori, gli ospiti saranno accolti con un sontuoso banchetto preparato da uno a scelta fra i tre ristoranti del resort: il buffet aperto tutto il giorno Sakalan, il beach bar Al Mina e il Mekong, asiatico-fusion aperto solo alla sera.

Ufficio stampa:

Sara Cusmà

s.cusma@aigo.it
+39 02 6699 27 241

Debora Agostini

d.agostini@aigo.it
+39 02 66 99 27 234